SEO a basso costo per organizzazioni non profit: 9 rapidi passaggi

Blog Non Profit

SEO a basso costo per organizzazioni non profit: 9 rapidi passaggi

È possibile lavorare sul SEO del sito dell’organizzazione non profit senza avere a disposizione ingenti capitali, un team specifico o tanto tempo.

30 luglio 2020

9 Piccoli consigli di SEO per organizzazioni non profit

È possibile lavorare sul SEO del sito dell’organizzazione non profit senza avere a disposizione ingenti capitali, un team specifico o tanto tempo. Di seguito trovi una lista di 9 piccoli consigli per non profit concentrati su tutte le cose che puoi fare per imbastire un buon SEO.

SEO organizzazioni non profit associazioni no profit come fare

1. Attiva Google Search Console e Google Analytics

Google Analytics ti permette di visualizzare i dati relativi al numero di visite del sito, alle pagine visualizzate e a come i visitatori del sito si muovono all’interno del sito dell'ente non profit.

Google Search console, invece, è uno strumento che ti fa vedere come si presenta il sito nei risultati di ricerca e ti permette di inviare il tuo sito a Google per essere indicizzato e di sistemare gli errori.

Prima di fare qualunque altra strategia, imposta subito questi due strumenti perché i dati che ne ricavi sono estremamente preziosi. Google ha a disposizione delle guide per iniziare a usare Google Analytics (qui) e Google Search Console (qui).

2. Cerca le parole chiave

Sapere come le persone e i potenziali fruitori dei servizi che l’organizzazione non profit di cui fai parte offre li cercano, permette di ottimizzare il sito internet dell’ente al meglio. Questa ricerca si chiama ricerca delle parole chiave o keyword research.

Per cominciare, scrivi su un foglio tutte le parole che pensi qualcuno potrebbe usare per cercare su Google un’organizzazione non profit come quella di cui fai parte.

3. Guarda i risultati di ricerca nella prima pagina

Potrebbe suonare semplice, ma una delle cose migliori da fare quando lavori sul SEO del sito è prendersi del tempo per analizzare i siti di quelle non profit che compaiono nella prima pagina dei risultati di ricerca e vedere che parole chiave usano.

4. Pianifica le pagine e la struttura del sito

Una volte individuate le parole chiave in cui vuoi che il sito della non profit compaia, puoi pianificare la giusta struttura delle pagine del sito web. La regola generale qui è farsi guidare dalla ricerca delle parole chiave ma anche dal buon senso. Una buona regola approssimativa è creare una pagina che punta a una delle parole chiave principali che hai individuato.

L’organizzazione non profit ha diverse sedi?

Avrai bisogno di una pagina per sede. A esempio:

  • dominio.org/sedi/trento

  • dominio.org/sedi/milano

O se fornisci numerosi servizi, potresti imbastire qualcosa di simile:

  • dominio.org/servizio/servizio-1

  • dominio.org/servizio/servizio-2

  • dominio.org/servizio/servizio-3

Prendi del tempo per mappare le pagine di cui avete bisogno sulla base della ricerca delle parole chiave e prendi anche in considerazione come le persone interagiscono con l’organizzazione non profit di cui fai parte.

Grazie alle librerie dell’app Contenuti di Revas, puoi creare tutte le pagine di cui hai bisogno, semplicemente creando cartelle e sottocartelle.

5. Fai un audit di SEO

Se l’ente non profit di cui fai parte ha già un sito internet, ci sono numerosi strumenti gratuiti per fare un piccolo audit per capire cosa sistemare.

C’e uno strumento che si chiama WooRank che viene installato come estensione di Google Chrome e che analizza il sito web che stai visualizzando. Quando finisce l’analisi, ti dice cosa funziona, cosa va sistemato di urgente e invece cosa puoi sistemare ma che non ha un impatto grave sulla performance del sito.

6. Crea Contenuti di valore

I contenuti del sito (news, blog, pagine informative, ecc) sono uno dei 3 maggiori fattori che influenzano il posizionamento nei risultati di ricerca ed è spesso la differenza tra buona e cattiva visibilità.

I contenuti non solo aiutano i visitatori del sito a capire cosa offre l’ente e che obiettivi ha nel suo operato, ma aiutano anche i motori di ricerca a capire gli argomenti delle pagine e quanta esperienza sul campo l’organizzazione non profit di cui fai parte ha.

I contenuti, poi, non sono solo parole: possono essere video, immagini o altri media.

Prendi del tempo per creare contenuti che possano interessare ai visitatori del sito e che facciano venir voglia di visitarvi, iscriversi o usufruire dei vostri servizi.

7. Ottimizza i titoli delle pagine, i meta dati e gli heading

Questo passo è uno di quelli con il maggiore impatto sul SEO del sito.

Non sono termini familiari?

I titoli delle pagine sono i titoli che vengono visualizzati nelle ricerche di Google.

Le meta descrizioni sono le linee di testo che compaiono sotto al titolo e forniscono maggiore contesto nei risultati di ricerca.

Gli headings sono tutti i titoli e titoletti presenti nel corpo testo della pagina web.

Se usi le parole chiave al loro interno puoi influenzare notevolmente il posizionamento del sito dell’ente non profit nei risultati di ricerca di Google.

Con l’applicazione Contenuti di Revas, puoi impostare titoli, meta descrizioni e headings per le pagine manualmente senza dover toccare il codice del sito web.

8. Chiedi a centri nodo ed enti amici di linkare il vostro sito sul loro

I link, ovvero le connessioni tra un sito internet e un altro, sono molto importanti per indicare a Google la qualità di un sito. Più siti di qualità hanno il link del vostro sito presente al loro interno meglio è.

Un buon modo per cominciare, è chiedere ad enti amici di inserire il vostro sito internet all’interno del loro, ma anche chiedere ad enti nodo o importanti nella vostra zona (come un CSV locale, il sito del comune o della provincia) che possono aiutare l’organizzazione non profit a raggiungere i primi posti nelle ricerche.

9. Attiva Google My Business

Come passo finale per creare un SEO di successo per una organizzazione non profit, imposta la pagina di Google My Business.

Google My Business ti permette di comparire nei risultati delle mappe di Google, o come scheda informativa nelle ricerche localizzate.

Come organizzazione non profit, i benefici sono elevati dato l’alto grado di visibilità che produce.

In pochi passi, un SEO per non profit che funziona

Ovviamente, il SEO può diventare complesso.

Ma come organizzazione non profit di medie dimensioni, non spesso ci si trova a competere con giganti globali e nazionali del non profit. Prendersi del tempo per costruire un sito internet ben ottimizzato seguendo i nostri nove passi veloci per organizzazioni non profit, può far già raggiungere fin da subito dei buoni risultati con poco sforzo. Con un buon punto di partenza, sarà possibile superare le altre organizzazioni non profit nei risultati di ricerca.

Un progetto sostenuto dall'Europa e dalla provincia di Trento

Un progetto sostenuto dall'Europa e dalla provincia di Trento

La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Dettagli