La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Quattro consigli per raccogliere donazioni

Data l'importanza delle donazioni e il loro effetto positivo su chi le riceve, le organizzazioni possono attivare alcuni accorgimenti per facilitarne la raccolta e ottenere la fiducia dei cittadini.

5/22/2019

Header Image

Le donazioni sono una delle principali fonti di finanziamento delle organizzazioni e degli enti non profit, in genere effettuate da privati o imprese commerciali. Esse sono caratterizzate dalla sostanziale gratuità con la quale una persona si priva di un bene, inclusi i soldi, senza aspettarsi nulla in cambio.

Grazie a queste somme di denaro, le organizzazioni possono raggiungere i loro obbiettivi e far fronte alle loro necessità in modo da rimanere in vita il più lungo possibile.

Data la loro importanza e il loro effetto positivo su chi le riceve, le organizzazioni possono attivare alcuni accorgimenti per facilitarne la raccolta e ottenere la fiducia dei cittadini.

Come è stato preannunciato, dall’inizio del 2019 è operativo il Registro unico nazionale del Terzo Settore, che impone alle associazioni iscritte il rispetto di rigidi parametri in fatto di organizzazione e trasparenza.

Pertanto, possiamo capire che la trasparenza (ne parliamo meglio in questo articolo) per il non profit è uno dei fattori che facilita la ricezione di donazioni, assieme a iniziative, eventi, raccolte fondi come anche il lavoro sulla propria presenza online.

Come si può sfruttare la presenza online per ricevere più donazioni?

Il sito

In un sito la cura e l’attenzione verso certi dati e come vengono presentati rendono l’organizzazione più attendibile e affidabile agli occhi di chi visita il sito. Infatti è consigliato tenerlo aggiornato con indirizzi, numeri di telefono e informazioni generiche sulle attività che svolge l’ente; soprattutto informazioni che spiegano con chiarezza lo scopo della raccolta fondi e come vengono utilizzate le donazioni.

Pubblicazione del bilancio economico

Rendere noti i propri dati economici è indice di credibilità e trasparenza soprattutto se il rendiconto è dettagliato e giustifica ogni spesa.

Rapporto annuale delle attività

Questo rapporto viene chiamato anche bilancio sociale o di missione. È un documento nel quale viene specificato, per ogni progetto, il costo e i risultati ottenuti con i fondi raccolti. Come per il bilancio economico, esso può essere pubblicato direttamente sul sito dell’organizzazione.

Social network

Al giorno d’oggi, i social network svolgono un ruolo cruciale in termini di costruzione, mantenimento e nutrimento delle community. Infatti, saper strutturare l’identità dell’organizzazione anche sui profili social e raccontare la vita associativa permette al lettore di riconoscere l’organizzazione come reale, ossia operativa sul territorio, e dunque degna di attenzione e fiducia.

I donatori digitali

Come osserviamo tutti noi, negli ultimi anni sta aumentando la fiducia verso i mezzi di transazione proposti dal web. Per questo sono cresciuti in modo considerevole i cosiddetti donatori digitali, ossia quelle persone che scelgono consapevolmente di donare anche attraverso i mezzi online, sostenendo così i progetti che vengono portati avanti dalle organizzazioni.

Infatti, i risultati ottenuti dall’indagine Donare 3.0, realizzata da Doxa in collaborazione con PayPal Italia e Rete del Dono, confermano che donare online è la modalità più comoda e facile perché il donatore è sempre connesso anche quando è in movimento.

Da questa indagine emerge quanto le donazioni via internet siano diffuse nella popolazione italiana e quanto siano numerose le somme di denaro donate ad associazioni o progetti.

Per questo motivo, curare la presenza online può davvero fare la differenza all’interno dell’organizzazione e aiuta quest'ultima ad essere scelta come beneficiaria dai cittadini.

Bandiera Europea

La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Scopri di più