La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Come fa il Libro Soci ad aiutare una organizzazione non profit?

Un Libro Soci in ordine permette di riconoscere chi è socio da chi non lo è e anche a proteggersi da eventuali indagini della Finanza.

3/20/2019

Header Image

Tra i libri sociali importanti dele organizzazioni non profit c’è il Libro dei Soci.

Partiamo dal concetto base:

il libro soci contiene i dati anagrafici di chi ha deciso di aderire all’organizzazione e anche la data dell’iscrizione. È possibile anche che venga segnata lo stato di pagamento della cosiddetta quota sociale, se presente.

Conoscere gli associati

Ci sono organizzazioni che hanno un elevato numero di soci e può essere difficile ricordare o tenere sotto controllo quali tra essi hanno determinati requisiti (alcuni dei quali li elenchiamo fra poco), soprattutto quando devono essere prese decisioni oppure solo nel caso di chiarimenti, dubbi o ricerca.

Uno dei dati più importanti da sapere è a chi spettano i diritti e i doveri che sono riportati nello Statuto dell’organizzazione: può avere dunque diversi vantaggi avere tutti i dati in un unico contenitore che sia ben tenuto e di facile consultazione. Il modo principale per aver tutte le informazioni in ordine è la procedura di compilazione del libro soci, che dev’essere eseguita secondo alcune procedure, come quelle scritte in questo articolo Come iscrivere un nuovo socio.

I dati contenuti nel Libro dei Soci aiutano l’organizzazione a distinguere tra chi è regolarmente socio e chi non lo è, con diversi vantaggi, tra i quali sapere chi convocare all’Assemblea dei Soci.

Se vogliamo, infatti, convocare un’Assemblea, bisogna controllare chi è effettivamente socio, chi maggiorenne e chi ha diritto di voto secondo quanto stabilito nello Statuto.

Un Libro Soci ben strutturato è un buono strumento che permette un’agile gestione di tutti i passaggi successivi all’adesione delle persone interessate all’organizzazione, e ci aiuta a migliorare la trasparenza dell’ente che gestiamo, risparmiando tempo ed energie. Minimo sforzo col massimo risultato!

Ma questo libro serve solo internamente?

La risposta è no.

Al riparo da sanzioni

Per quanto riguarda un eventuale controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate, della Polizia Annonaria o della Guardia di Finanza, il Libro Soci, se tenuto correttamente, permette di dimostrare che i servizi dell’organizzazione sono stati usufruiti solo dai Soci.

Può capitare infatti che l’iscrizione a un’organizzazione venga “venduta” assieme a consumazioni o benefici di altro genere il giorno stesso della richiesta: questo può portare, in caso di eventuali controlli, anche a pesanti sanzioni o addirittura alla chiusura dell’organizzazione per frode fiscale.

Il percorso corretto di iscrizione del nuovo socio infatti permette al futuro socio di rendersi conto di fare parte di un’organizzazione, con una sua missione e dei suoi valori, e non che sta usufruendo di un servizio commerciale qualsiasi.

Un documento vivo

Un Libro Soci, dunque, non è un documento morto o puramente formale - rappresenta la vita associativa stessa.

È la storia delle persone che hanno portato avanti l’associazione, non solo con il pagamento della quota sociale, ma con qualsiasi contributo che ha lasciato un’impronta di valore.

Bandiera Europea

La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Scopri di più