5x1000 e associazioni: cos'è e come funziona

Blog Non Profit

5x1000 e associazioni: cos'è e come funziona

Il 5x1000 rappresenta una delle fonti principali di finanziamento per le organizzazioni non profit. Vediamo cos'è e come funziona.

12 aprile 2019

Il 5x1000 rappresenta una delle fonti principali di finanziamento per le organizzazioni non profit. Vediamo cos'è e come funziona.

Il 5x1000 permette al non profit di crescere in maniera sostenibile

Ogni anno lo Stato Italiano raccoglie attraverso l'imposizione fiscale sui cittadini contribuenti il cosiddetto "gettito fiscale". Spetta poi al Parlamento il compito di decidere a quali attività e in che misura destinare tali fondi.

In Italia, però, ciascun cittadino ha la facoltà di decidere a chi destinare parte del proprio contributo, compilando alcuni campi specifici nella propria dichiarazione dei redditi: il 5x1000, l'8x1000 e il 2x1000.

Queste misure fiscali danno al cittadino un potere decisionale molto forte: con il 5x1000, il contribuente finanzia gli enti del cosiddetto “terzo settore”, cioè enti che operano in ambito di interesse sociale, con l'8x1000 lo Stato e le diverse** confessioni religiose** che hanno firmato il protocollo d’intesa e con il 2x1000 uno dei partiti politici che ha aderito al protocollo d’intesa

Tutte le tre misure fiscali possono essere destinate contemporaneamente dal cittadino, ma se non viene espressa nessuna preferenza, sarà lo Stato a scegliere per il contribuente.

Ma perchè il cinque per mille è così importante?

Perchè la donazione 5x1000 rappresenta uno strumento privo di oneri aggiuntivi (essendo parte dell’IRPEF) offerto dallo Stato che punta a coinvolgere il cittadino in una collaborazione attiva con le Istituzioni stesse per attuare interventi socialmente rilevanti.

Cinque per mille per associazioni no profit

Da quando è stata introdotta la legge Finanziaria del 2006, milioni di cittadini hanno deciso di destinare una parte del loro IRPEF a enti non profit, dimostrando dunque attivo interesse e partecipazione nella salute e nella vivacità degli enti e del terzo settore italiano.

Nel 2009, le finalità del cinque per mille sono state estese anche alle associazioni sportive dilettantistiche e nel 2010 il tetto massimo è stato innalzato da 250 milioni di euro a 400 milioni di euro.

Successivamente, nel 2014, in tetto è stato innalzato ai 500 milioni grazie alla Legge n. 190/2014.

Gli obblighi delle organizzazioni non profit

Dal momento che i finanziamenti sono elevati e provengono direttamente dalle tasche dei contribuenti, agli enti non profit viene richiesta massima trasparenza: ogni anno, le organizzazioni devono rendicontare l’uso del loro cinque per mille e renderlo disponibile pubblicamente, come stabilito dal [Decreto Legge n.98 del 6 luglio 2011 (art. 23, comma 46)]((http://www.normattiva.it/atto/caricaDettaglioAtto?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2011-07-06&atto.codiceRedazionale=011G0146&queryString=%3FmeseProvvedimento%3D%26formType%3Dricerca_semplice%26numeroArticolo%3D%26numeroProvvedimento%3D98%26testo%3D%26annoProvvedimento%3D2011%26giornoProvvedimento%3D&currentPage=1)

Con gli anni, queste donazioni sono diventate una parte indispensabile dei fondi a sostegno di ogni associazione o ente non profit. I contribuenti che scelgono spontaneamente di sostenere una causa, infatti, ne permettono lo sviluppo armonico e responsabile, creando un rapporto di fiducia e trasparenza.

Un progetto sostenuto dall'Europa e dalla provincia di Trento

Un progetto sostenuto dall'Europa e dalla provincia di Trento

La piattaforma Revas è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, dallo Stato Italiano e dalla Provincia autonoma di Trento.

Dettagli